Il bidet: una tradizione tutta italiana

  • Autore: BARCAROLO MONICA
  • 06 set, 2017
un bidet
Il bidet (o bidè) è un accessorio immancabile nei bagni italiani ma sconosciuto a molte altre culture, sfortunatamente per loro.
Ripercorriamo la sua lunga storia: dall’invenzione, secoli addietro, fino ai giorni nostri.

La nascita del bidet

Pare che l’invenzione del bidè sia tutta italiana e risalga al XVII secolo: infatti a commissionarne la creazione fu Maria dei Medici, figlia del granduca di Toscana Francesco I; nonostante l’identità dell’inventore non ci sia nota con certezza, sembra che il nome del bidet derivi dalla parola francese usata all’epoca per indicare i pony (per utilizzarlo, infatti, occorre sedervisi sopra “a cavalcioni”).

L’origine francese del termine non è casuale; in effetti Maria dei Medici introdusse questo accessorio in Francia quando ne divenne regina.  Ma il bidet non riscosse successo: anzi, acquistò presto la cattiva fama di strumento da bordello, e anche i cento esemplari che erano stati installati nella reggia di Versailles caddero rapidamente in disuso.

In Italia il primo bidè di cui conosciamo l’esistenza è quello che ancora oggi si trova alla Reggia di Caserta, dove fu installato per volere della regina di Napoli Maria Carolina d’Asburgo-Lorena.

Il bidè all'estero: questo sconosciuto

Nonostante in Italia sia raro trovare un bagno privo di questo sanitario, in realtà all’estero le nazioni con bagni dotati di bidè sono pochissime! Nel nostro Paese il bidet fu reso addirittura obbligatorio nel 1975; altre nazioni in cui lo si può trovare con facilità sono il Portogallo, la Grecia, la Spagna e alcune aree dell’America Latina, come l’Argentina, il Brasile e l’Uruguay.

Nel resto del mondo la presenza di un bidet suscita ancora oggi dubbi e perplessità, e nell’immaginario collettivo internazionale la sua preziosa utilità continua a essere sottovalutata. La Francia, dopo un ultimo periodo di gloria negli anni Settanta, l’ha abbandonato quasi definitivamente; il popolo inglese invece non l’ha mai apprezzato, così come quello americano. Negli Stati Uniti la maggior parte della popolazione non saprebbe nemmeno come utilizzarlo, e lo ritiene una strana usanza del vecchio continente.

Non ci resta quindi che rassegnarci: in caso di viaggi all'estero è molto probabile essere costretti a fare a meno del bidet, un sanitario quasi immancabile nelle nostre case. Al massimo potremmo trovare dispositivi ibridi che fungono sia da wc che da bidet, particolarmente diffusi in Giappone ma che stanno finalmente acquistando popolarità nel resto del mondo.
Autore: BARCAROLO MONICA 06 set, 2017
Il bidet (o bidè) è un accessorio immancabile nei bagni italiani ma sconosciuto a molte altre culture, sfortunatamente per loro.
Ripercorriamo la sua lunga storia: dall’invenzione, secoli addietro, fino ai giorni nostri.
Autore: BARCAROLO MONICA 16 ago, 2017
I trend dell’arredo bagno 2017 puntano su soluzioni lineari e materiali pregiati, capaci di ricreare un’atmosfera lussuosa anche in uno spazio ristretto. Dai sanitari al termoarredo, la parola d’ordine è sicuramente eleganza.
Autore: BARCAROLO MONICA 06 lug, 2017
Il bagno è una delle stanze della casa che permette di sbizzarrirsi maggiormente con materiali e tonalità. Le tendenze del 2017 per i colori del bagno accontentano davvero i gusti di tutti, dagli amanti dei toni neutri a chi non riesce a rinunciare a un tocco di vivacità.
Autore: BARCAROLO MONICA 28 giu, 2017
Le recenti scoperte nel campo della domotica e delle nanotecnologie hanno trovato impieghi pratici anche all’interno del settore dei sanitari, offrendo soluzioni di elevato profilo tecnologico quali per esempio il water-bidet e i piatti doccia o i lavabi a nanotecnologia idrorepellente. Parliamo in questa sede più approfonditamente di questi sanitari, cercando di coglierne i pregi e i vantaggi nell’impiego di tutti i giorni.
Autore: BARCAROLO MONICA 21 giu, 2017

I rivestimenti e le piastrelle per il bagno oggi possono essere realizzati secondo un’infinita varietà di colorazioni, materiali e tipologie di decorazioni, che spaziano dal listello in gres porcellanato al parquet in legno, passando per l’applicazione di materiali naturali che simulano l’effetto dell’erba, del marmo o della pietra, con design unici e personalizzabili in ogni dettaglio.

In questa sede ci occuperemo di illustrare 3 tipologie di rivestimenti per la stanza da bagno, rispettivamente composte da materiali differenti, e con motivi decorativi di grande impatto estetico.
Autore: BARCAROLO MONICA 07 giu, 2017
Con l’arrivo delle stagioni più calde, avere nei propri ambienti di casa o di lavoro la giusta climatizzazione è di fondamentale importanza per il benessere e il comfort di tutti gli abitanti e i dipendenti, mantenendosi al riparo dalle ondate di calore e dall’umidità. A questo scopo installare impianti di condizionamento dell’aria di ultima generazione vi permetterà di mantenere la temperatura ottimale in ogni stanza rimanendo freschi e asciutti, con al contempo un basso dispendio energetico.
Share by: